Tirocini formativi

Le modalità di svolgimento e di conseguimento dei crediti delle attività di tirocinio sono così regolate:

il corso di Laurea Magistrale in Biotecnologie Genomiche Molecolari e Industriali prevede che gli studenti, durante l'ultimo anno del corso di studio, completino la loro formazione attraverso un tirocinio formativo di 6 CFU e lo svolgimento della tesi di laurea (definita prova finale: 27 CFU). Il tirocinio è mirato all’acquisizione di conoscenze per l'uso di metodologie sperimentali. Il periodo di tirocinio può essere propedeutico allo svolgimento della tesi di laurea che consiste nella progettazione ed esecuzione di uno studio sperimentale originale, sotto la guida di uno o più docenti del corso, da svolgersi presso un laboratorio universitario o di ente esterno pubblico o privato, italiano o straniero, convenzionato con l'Università.

I crediti relativi alla prova finale sono suddivisi in “Attività di ricerca in preparazione della prova finale ” (25 cfu) ed in “Prova finale” (2 cfu) e sono acquisibili in due fasi distinte: i 25 a compimento dell’attività di laboratorio finalizzata alla tesi di laurea, i 2 in corrispondenza della discussione della tesi dinanzi alla commissione di laurea. Si precisa che la procedura di acquisizione dei 25 cfu prevede che gli studenti ne facciano richiesta mediante messaggio di posta elettronica al presidente, che provvederà alla verbalizzazione previo e-mail di conferma del relatore che attesti l’effettivo svolgimento del periodo di internato di tesi.

Le modalità di svolgimento e riconoscimento dei crediti di Tirocinio e Prova finale sono riportate, per ogni anno accademico, nella scheda Unica Annuale (SUA) e nel Manifesto degli Studi. 

 

Per qualunque dubbio o chiarimento, contattare il referente per i tirocini, prof. Marco Ventura: marco.ventura@unipr.it 

MODALITÀ DI ATTIVAZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO FINALIZZATO ALLO SVOLGIMENTO DELLA TESI DI LAUREA

TIROCINIO PRESSO STRUTTURA DELL’ATENEO CONCORDATO CON UN DOCENTE

Il docente relatore (definito anche TUTOR AZIENDALE o tutor interno) comunica al REFERENTE AZIENDALE, Prof. Marco Ventura, tramite email, l’inizio delle attività del tirocinante.

Il Referente aziendale provvederà a compilare il progetto formativo in ESSE3. In ESSE3, lo studente dovrà poi scegliere il TUTOR ACCADEMICO (uno dei docenti responsabili del tirocinio del corso di studio: Prof.ssa Tiziana Lodi e Prof. Marco Ventura) e accettare il progetto formativo. Con la successiva approvazione del tutor accademico e il visto finale della UOS Orientamento, Placement e Tirocini il procedimento di inizio attività è concluso


TIROCINIO PRESSO ENTE ESTERNO CONCORDATO CON L’ENTE ESTERNO

Questa modalità prevede che l’ente esterno si sia registrato, abbia richiesto la convenzione, abbia inserito il nome del tutor aziendale tramite il link di menu contatti della sezione Area Azienda e abbia dato avvio a stage con studente noto inserendo la matricola dello studente/studentessa e il progetto formativo. A questo punto si genera una domanda di stage visibile allo studente dalla voce di menu I miei stage.

Lo studente deve scegliere il TUTOR ACCADEMICO ((il docente del corso di studio che ha valutato la adeguatezza del progetto formativo e si è reso disponibile come tutor accademico), visionare il progetto formativo e accettare il medesimo. Con la successiva approvazione da parte del tutor accademico e il visto finale della UOS Orientamento, Placement e Tirocini il procedimento di inizio attività è concluso


TIROCINIO IN MOBILITÀ INTERNAZIONALE

Per tirocini in Erasmus si invitano gli interessati a contattare e seguire le indicazioni dell’Ufficio Erasmus e dei Responsabili Erasmus del Dipartimento. Per gli altri tirocini internazionali contattare e seguire le indicazioni dell’ufficio tirocini.  Vedi anche quanto riportato all’Art. 12 di questo Regolamento. 

Al termine del tirocinio svolto all'estero, ove l'Università estera non includesse nel Transcript of Records la registrazione ufficiale con voto e numero di crediti, lo studente dovrà fornire una lettera su carta intestata del docente estero con cui ha effettuato il tirocinio, in modo da certificare la frequenza e i risultati dell'apprendimento


Alla fine del periodo di tirocinio (sia esso interno che esterno) il Tutor aziendale dovrà compilare l'apposita scheda di valutazione predisposta dal Consiglio del CdS, e in ogni caso formulare il giudizio complessivo. La scheda dovrà quindi essere fatta pervenire dal Tutore aziendale al Tutor accademico, che provvederà alla verbalizzazione. Lo studente dovrà anche consegnare un riassunto dell’argomento di tesi, da utilizzare per la scelta del controrelatore. Sia la scheda di valutazione che il riassunto verranno conservate in apposito archivio per un eventuale utilizzo da parte degli organi di autovalutazione.